fbpx

Il lavoro notturno aumenta l’insorgenza dei tumori

Spesso si discute circa le abitudini e stili di vita che possono contrastare o facilitare l’insorgenza del cancro. Attualmente emergono nuovi indizi sul motivo per cui i lavoratori del turno di notte sono maggiormente a rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro, sono presentati in un nuovo studio condotto presso la Washington State University Health Sciences Spokane. Pubblicato online nel Journal of Pineal Research, lo studio consisteva in un esperimento di laboratorio controllato che ha utilizzato volontari sani che facevano il turno notturno simulato o il turno diurno.

I risultati dello studio suggeriscono che i turni notturni interrompono i ritmi naturali di 24 ore nell’attività di alcuni geni correlati al cancro, rendendo i lavoratori dei turni di notte più vulnerabili ai danni al loro DNA e allo stesso tempo causando l’annullamento dei meccanismi di riparazione del DNA del corpo per affrontare quel danno. Sebbene siano ancora necessarie ulteriori ricerche, queste scoperte potrebbero un giorno essere utilizzate per aiutare a prevenire e curare il cancro nei lavoratori del turno di notte.

Ci sono state prove crescenti che il cancro è più diffuso nei turnisti notturni, che ha portato l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità a classificare il lavoro notturno come probabile cancerogeno. Tuttavia, non è chiaro il motivo per cui il lavoro notturno aumenta il rischio di cancro, cosa che questo studio ha cercato di affrontare.

Come parte di una partnership tra il WSU Sleep and Performance Research Center e il Pacific Northwest National Laboratory (PNNL) del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, gli scienziati della WSU hanno lavorato con esperti di bioinformatica al PNNL per studiare il potenziale coinvolgimento dell’orologio biologico, il corpo meccanismo integrato che ci mantiene attivi 24 ore su 24, giorno e notte. Sebbene ci sia un orologio biologico centrale nel cervello, quasi ogni cellula del corpo ha anche il proprio orologio incorporato. Questo orologio cellulare coinvolge geni noti come geni dell’orologio che sono ritmici nella loro espressione, il che significa che i loro livelli di attività variano con l’ora del giorno o della notte.

I ricercatori hanno ipotizzato che anche l’espressione dei geni associati al cancro potrebbe essere ritmica e che il lavoro notturno potrebbe interrompere la ritmicità di questi geni. Per verificarlo, hanno condotto un esperimento di lavoro a turni simulato che ha visto 14 partecipanti trascorrere sette giorni all’interno del laboratorio del sonno presso la WSU Health Sciences Spokane. La metà di loro ha completato un programma di turni notturni simulato di tre giorni, mentre l’altra metà aveva un programma di turni diurni simulato di tre giorni. Dopo aver completato i loro turni simulati, tutti i partecipanti sono stati tenuti in un protocollo di routine costante che viene utilizzato per studiare i ritmi biologici generati internamente dagli esseri umani indipendentemente da qualsiasi influenza esterna. Come parte del protocollo, sono stati tenuti svegli per 24 ore in una postura semi-reclinata sotto costante esposizione alla luce e temperatura ambiente e sono stati dati spuntini identici ogni ora. Ogni tre ore veniva prelevato un campione di sangue. Le analisi dei globuli bianchi prelevati dai campioni di sangue hanno mostrato che i ritmi di molti dei geni correlati al cancro erano diversi nella condizione del turno di notte rispetto alla condizione del turno di giorno.

In particolare, i geni correlati alla riparazione del DNA che mostravano ritmi distinti nella condizione di turno diurno hanno perso la loro ritmicità nella condizione di turno notturno. I ricercatori hanno quindi esaminato quali potrebbero essere le conseguenze dei cambiamenti nell’espressione dei geni correlati al cancro. Hanno scoperto che i globuli bianchi isolati dal sangue dei partecipanti al turno di notte mostravano più prove di danno al DNA rispetto a quelli dei partecipanti al turno di giorno. Inoltre, dopo che i ricercatori hanno esposto globuli bianchi isolati a radiazioni ionizzanti in due diversi momenti della giornata, le cellule irradiate la sera hanno mostrato un aumento del danno al DNA durante il turno di notte rispetto alla condizione del turno di giorno. Ciò significava che i globuli bianchi dei partecipanti al turno di notte erano più vulnerabili ai danni esterni causati dalle radiazioni, un noto fattore di rischio per danni al DNA e cancro.

Presi insieme, questi risultati suggeriscono che i programmi dei turni notturni annullano i tempi di espressione dei geni correlati al cancro in un modo che riduce l’efficacia dei processi di riparazione del DNA del corpo quando sono più necessari.

Il passo successivo dei ricercatori sarà condurre lo stesso esperimento con i lavoratori a turni nel mondo reale che hanno svolto costantemente turni diurni o notturni per molti anni per determinare se nei lavoratori notturni il danno al DNA non riparato si accumula nel tempo, il che potrebbe in definitiva aumentare il rischio di cancro. Se ciò che accade nei lavoratori a turni nel mondo reale fosse coerente con i risultati attuali, questo lavoro potrebbe essere utilizzato per sviluppare strategie di prevenzione e farmaci che potrebbero affrontare i problemi dei processi di riparazione del DNA. Potrebbe anche essere la base per strategie per ottimizzare i tempi della terapia del cancro in modo che il trattamento venga somministrato quando l’efficacia è massima e gli effetti collaterali sono minimi, una procedura chiamata cronoterapia che dovrebbe essere messa a punto sui ritmi interni dei lavoratori notturni.

I lavoratori del turno di notte devono affrontare notevoli disparità di salute, che vanno dall’aumento dei rischi di malattie metaboliche e cardiovascolari ai disturbi della salute mentale e al cancro. È giunto il momento di trovare soluzioni di diagnosi e trattamento per questo gruppo scarsamente servito di lavoratori essenziali in modo che la comunità medica possa affrontare le loro sfide sanitarie uniche.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Night shift schedule causes circadian dysregulation of DNA repair genes and elevated DNA damage in humans” by Bala Koritala et al. Journal of Pineal Research

Studio Medico Mens CPZ

CPZ dalla mente al cuore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *