Sindrome di Down

Sindrome di Down

Tutto quello che c’è da sapere

La sindrome di Down è un’anomalia cromosomica che si verifica al momento del concepimento. Ma di che si tratta esattamente? Ecco tutto quello che dovete sapere a proposito.

La sindrome di Down è una condizione cromosomica che è spesso diagnosticata durante la gravidanza, grazie ai controlli prenatali.

Il processo di fecondazione ha inizio con l’unione di 23 cromosomi da parte della madre e 23 cromosomi da parte del padre. L’insieme di questi cromosomi definisce il sesso del bambino, nonché le sue caratteristiche fisiche determinate dai geni dominanti e da quelli recessivi.

Per questo motivo, ogni cellula del corpo umano contiene 46 cromosomi in totale. Quando un bambino è affetto a questa sindrome vi è un’anomalia nella fusione tra spermatozoo e ovulo: questo errore ha come conseguenza la presenza di un cromosoma in più, ossia 24 cromosomi si uniscono agli altri 23.

Questo particolare fenomeno biologico è noto anche con il nome di trisomia 21, proprio perché nella coppia di cromosomi numero 21 ci sono 3 cromosomi anziché 2.

I bambini affetti da questa condizione hanno caratteristiche fisiche diverse rispetto a quelli che hanno 23 coppie di cromosomi. Presentano il viso più arrotondato, gli occhi a mandorla e i legamenti più deboli.

Un altro aspetto importante è che soffrono di deficit dell’attenzione e di ritardo cognitivo più o meno lieve a seconda della gravità della loro condizione. Ciò significa che il loro processo di apprendimento sarà più lento e che inciderà sullo sviluppo della linguaggio e sull’interazione sociale.

Inoltre presentano problemi di tiroide, alterazioni gastrointestinali, cardiopatia congenita, disturbi al sistema endocrino, problemi di vista, immunodeficienza e predisposizione a contrarre infezioni: queste sono alcune delle patologie e dei sintomi che accompagnano la sindrome di Down.

Tuttavia, i bambini affetti da questa condizione, ricevendo un aiuto specializzato possono imparare molte cose. Gli individui con sindrome di Down tendono a essere allegri, obbedienti e hanno talenti innati.

Per questa sindrome non esistono rimedi, in quanto è una condizione congenita, non una malattia. Per questo motivo non esistono farmaci che possono offrire una cura a chi ne è affetto.

Tuttavia, esistono alcuni trattamenti che possono migliorare la qualità della vita. Ci riferiamo alle terapie del linguaggio, motorie e intellettive che aiutano le persone affette da sindrome di Down a superare i proprio limiti.

La medicina ha fatto grandi progressi per aumentare le probabilità di vita delle persone affette da questa sindrome. Attualmente, la speranza di vita è di 50-60 anni nei paesi sviluppati.

Finora non esistono studi che siano riusciti a determinare quale sia la causa di questa anomalia cromosomica. Alcune ricerche hanno segnalato che le donne che rimangono incinte dopo i 35 anni hanno maggiori probabilità di avere un figlio affetto da sindrome di Down.

Ciò significa che esiste un’alta possibilità che questo fenomeno sia in qualche modo associato all’età dei genitori al momento del concepimento. Ma non vuol dire che non possa accadere anche alle coppie giovani.

Essere madre di un bambino affetto da sindrome di Down è una sfida ma non per forza una sofferenza.

Ci sono casi in cui una serie di trattamenti specializzati migliora in buona misura la qualità della vita delle persone affette da sindrome di Down in età adulta. Oggigiorno esistono molti enti e associazioni che offrono servizi utili a garantire una vita normale ricca di allegria e benessere.

Esistono anche network di genitori che sono in contatto tra loro e che si aiutano a vicenda.

“Se ridi di un bambini diverso, lui riderà con te perché la sua innocenza supera la tua ignoranza”.

Bibliografia

http://www.siamomamme.it/gravidanza/4cosedasaperesullasindromedidown/

https://www.google.com/url?sa=i&source=images&cd=&ved=2ahUKEwj3oJi374TgAhWlNOwKHZgYAMIQjRx6BAgBEAU&url=https%3A%2F%2Fwww.difesapopolo.it%2FArchivio%2FSanita%2F98-di-aborti.-In-Danimarca-e-vietato-nascere-Down&psig=AOvVaw3Sws0r8u-jh9oTUKmDFo3P&ust=1548366114824746

Un pensiero riguardo “Sindrome di Down

  • 25 Aprile 2019 in 21:23
    Permalink

    Buonasera volevo chiedervi se una coppia Down può avere Figli? Il ragazzo ha la PATRIA PODESTÀ?
    Lo stanno Crescendo da soli?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *